lunedì

Fluido alle Vitamine A-C-E, fai da te

© LadyGreen Blogspot
Abbiamo visto in un recente post che la pelle matura si rigenera più lentamente di quella giovane e ha quindi bisogno di essere aiutata con prodotti stimolanti. E' da tener presente che l'azione rigenerante avviene di notte quando la pelle non è sottoposta ai numerevoli agenti stressanti del giorno. 
Nel caso del fai da te quindi, dobbiamo formulare i nostri prodotti cosmetici con questo criterio di base:

- Le preparazioni da giorno ci devono PROTEGGERE;
- Le preparazioni da notte devono AIUTARE la RIGENERAZIONE

domenica

Scrub naturale fai da te per le labbra

© LadyGreen Blogspot
Prima di passare il bellissimo burro cacao naturale che abbiamo fatto in casa, dobbiamo fare uno scrub alle labbra. Le antiestetiche pellicine che si formano praticamente ogni giorno vanno eliminate prima di qualsiasi trattamento o make up, altrimenti l'effetto risulta inguardabile.
Invece di acquistare prodotti che contengono poco o nulla di veramente efficace, prepariamoci uno scrub emolliente tutto naturale. Oltretutto risparmiando!
Gli ingredienti che ci servono infatti sono presenti generalmente già nelle nostre dispense:

- Miele
- Zucchero di canna

sabato

Fare un burro cacao naturale per labbra screpolate


© LadyGreen Blogspot
Labbra screpolate: un cruccio molto comune che si manifesta in qualsiasi stagione, ma durante l'inverno il problema si fa più impellente. Il freddo infatti tende a seccare la pelle, soprattutto quella più esposta del viso e le labbra sono le prime a risentirne. Inutile usare il makeup sopra delle labbra screpolate, l'effetto è terribile!
Cosa fare allora? Il rimedio più classico è quello del burro cacao ma se pensate che gli stick che comprate al supermercato possano risolvere qualcosa, vi illudete. Quei "burro cacao" sono in realtà un mix di petrolati che apparentemente e momentaneamente sembreranno avere efficacia, ma poi peggioreranno la situazione. E allora?
Allora il burro cacao ce lo facciamo in casa, tutto naturale e senza conservanti.
Il procedimento è una delle cose più semplici da fare nella cosmetologia fai da te...
Iniziate col reperire gli ingredienti che saranno:

La pelle matura, istruzioni per l'uso


© LadyGreen Blogspot

Per poter curare è indispensabile conoscere. Soprattutto credo che delegare completamente ad altri la responsabilità del proprio benessere non sia una cosa saggia. Gli esperti ci danno quella marcia in più all'occorrenza, ma siamo noi a dover imparare a conoscerci bene prima di ogni altra cosa. Oggi internet ci mette a disposizione un mondo di conoscenza ed è da qui che possiamo attingere molto, imparando anche a selezionare il buono dal "fake".
Questa piccola premessa per parlare nello specifico di pelle matura. Quali sono dunque le caratteristiche di una pelle non più giovanissima? Come possiamo prendercene cura al meglio?
Dobbiamo innanzitutto sapere che con l'età che avanza la pelle subisce delle modificazioni molto soggettive, basate sulla genetica individuale. In linea di massima però vale per tutti un graduale assottigliamento e una perdita di tonicità; inoltre la riduzione dei melanociti provoca una capacità ridotta di riparare i danni solari e la conseguente comparsa delle antiestetiche macchie cutanee. La pelle è più secca perchè diminuisce la produzione di sebo.
La pelle insomma, verso i 40 - 50 anni deve iniziare ad essere curata molto di più.
La pulizia e l'idratazione sono una base imprescindibile e alcune buone abitudini devono diventare un punto fermo. Ecco le più importanti:

lunedì

Acquistare le materie prime per i cosmetici fatti in casa

© LadyGreen Blogspot
Per chi volesse iniziare a cimentarsi in qualche preparazione cosmetica, qui elenco qualche sito dove acquistare le materie prime e alcuni accessori. Iniziate con pochi elementi, quelli che avrete studiato bene per quanto riguarda uso, resa, interazioni, ecc. Con una conoscenza maggiore oserete gradualmente di più.
Per i primi acquisti vi consiglierei questi elementi base che difficilmente troverete nei negozi, d'altro canto online si risparmia molto:

- Oli vegetali: Olio di Jojoba, Olio di riso, Olio di Argan, Olio di Mandorle dolci, Olio di ricino;
- Gomma xantana
- Un emulsionante lipofilo: Lamecreme, Olivem 1000, Alcol Cetilico (utile come co-emulsionante);
- Tocoferolo (Vit. E, utile anche come antirancido - da usare in tutte le creme)
- Due o tre oli essenziali
- Un paio di attivi per rafforzare l'idratazione e caratterizzare la crema (es. collagene, pantenolo, allantoina, bisabololo, caffeina anidra, ceramidi, coenzima Q10, ecc.);
- Un conservante per tutte le preparazioni che contengano una fase acquosa, tipo il Cosgard che è senza dubbio l'eco-bio più usato. Il Leucidal é un ottimo conservante 100% naturale;
- Cartine Tornasole (per misurare il PH)

Ricetta per una prima crema cosmetica fai da te

© LadyGreen Blogspot
Questa è la prima crema cosmetica fai da te un pò più complessa, che potrete provare a fare dopo esservi esercitate in qualche emulsione elementare. Do' per scontato che abbiate acquistato gli ingredienti base, abbiate reperito gli accessori necessari e che inoltre abbiate appreso le nozioni basilari :)
L'acqua da usare è sempre quella distillata (la trovate al supermercato, quella per il ferro da stiro).
L'olio di riso è facile da reperire in qualsiasi supermercato.
Per gli accessori guardate questo post
Ricordo che i contenitori dovranno essere immersi a bagnomaria in una pentola su fuoco basso, fino alla temperatura di 70° circa (corrispondente più o meno alla formazione delle prime bollicine). Se preferite potete utilizzare un termometro specifico per misurare la temperatura dell'acqua: è un particolare importante ai fini della riuscita dell'emulsione.

Ecco la ricetta, per 100 grammi. La crema che faremo è leggera (la percentuale di grassi è del 7%), indicata per pelli miste. Sulla base di questa, vedremo anche come viene letta e come vengono calcolate le percentuali:

domenica

Burrini solidi per il corpo


© LadyGreen Blogspot
Ecco qui una ricetta facilissima da fare: i burrini solidi per idratare il corpo. Gli ingredienti principali sono il burro di karitè e il burro di cacao.  Il burro di karitè è fantastico per idratare la pelle e ha proprietà tonificanti. Il burro di cacao è invece stimolante, infatti l'olio di cacao viene anche usato nei prodotti anticellulite o antiage. L'aggiunta di cera d'api aiuta a solidificare il composto.

Queste le quantità della ricetta, per 100 grammi:

- Burro cacao 45 gr
- Burro karitè 30 gr
- Olio vegetale (jojoba, girasole, olys, ecc..) 10 gr
- Cera d'api 15
Profumazione con essenze a piacere
Colorazione a piacere

martedì

Gli ingredienti dei cosmetici


© LadyGreen Blogspot
Fare una crema cosmetica significa sostanzialmente passare attraverso la preparazione di tre fasi: fase acquosa (o fase A), fase grassa (o fase B) e fase fredda (o fase C).
Partendo dal concetto base che la crema è un'emulsione tra acqua e olio facilitata da una sostanza emulsionante, per poter preparare un prodotto cosmetico che sia più completo e quindi simile a quelli acquistati nei negozi bisogna arricchire le varie fasi con aggiunta di diversi elementi.
Andiamo innanzitutto a conoscere i principali componenti di una crema cosmetica, cliccando su ciascuno potrete imparare le nozioni più importanti :

sabato

Regole di base nella preparazione dei cosmetici fatti in casa


© LadyGreen Blogspot
Avete provato a fare la facilissima crema alla lecitina e volete continuare il viaggio?
Seguitemi allora...
Non starò a tediarvi con trattati di chimica cosmetica ma cercherò di darvi indicazioni per le basi minime, con le quali poi potrete andare a fare degli approfondimenti personali.
Partiamo dal fatto che non dobbiamo mettere su un'industria cosmetica ma fare delle creme e dei prodotti da make up per noi stesse e, tuttalpiù per le nostre amiche e parenti. Vi assicuro che dopo aver provato le vostre produzioni, impazziranno!
Prima di sperimentare una ricetta più complessa è bene tenere a mente alcune regole essenziali:

giovedì

Il PH dei cosmetici e la sua regolazione


© LadyGreen Blogspot

Ogni crema cosmetica che farete dovrà essere sempre testata dal punto di vista del PH
Che cos'è innanzitutto questo PH? E' il valore che misura l'acidità o la basicità di una preparazione. Nel caso dei prodotti cosmetici, il PH dovrà essere molto vicino a quello della pelle che ha un valore medio di 5,5. La nostra pelle è leggermente acida, quindi un prodotto troppo basico non sarebbe benefico. In alcune parti del corpo l'acidità aumenta come nel caso delle zone intime, che hanno un PH più acido. La scala del PH va da 0 a 14, dove da 0 a 7 è acido, da 7 a 14 è basico. A 7 ovviamente il PH è neutro.
Queste le indicazioni a cui rifarsi affinchè il PH dei vostri prodotti sia sempre giusto:

- le creme cosmetiche viso e corpo possono avere un PH tra 5 e 7 (ideale 5,5);
- le preparazioni che possono essere più a contatto con gli occhi è meglio farle avvicinare più ad un PH neutro, cioè 7;
- shampoo e detergenti per il corpo devono rispettare il ph naturale della pelle, quindi sempre intorno a 5,5; i prodotti delicati hanno un PH neutro, cioè 7 (es. preparazioni per bambini)
- un balsamo per capelli funziona bene ad un ph piú acido dello shampo, quindi é bene restare in un range tra 3 e 5;
- i detergenti intimi hanno un'acidità maggiore e il valore può abbassarsi fino a 4;

E se avete un amico peloso, potrete cimentarvi in preparazioni naturali anche per lui: il vostro cane o micio ne gioverà senz'altro! In questo caso, sappiate che il PH dei prodotti per cani e gatti deve tenersi nel valore di 4 - 5.

Il PH si misura con le cartine Tornasole: si immerge una strisciolina per un paio di secondi nella preparazione, si toglie e si tampona delicatamente per togliere la crema e poi si confronta con la scala dei colori in dotazione nella confezione. Dove corrispondono tutti i colori, quello è il pH della vostra crema.
Se vi accorgete che è troppo acido o basico lo dovrete correggere.
Un PH troppo elevato, quindi eccessivamente basico,  va abbassato con acido lattico o citrico (si acquista dai rivendtori specializzati online): si aggiunge a gocce con una pipetta e si controlla con le cartine tornasole finchè non raggiunge il valore ottimale per la nostra preparazione.
Nel caso contrario di un PH troppo basso, quindi eccessivamente acido, per alzarlo useremo una soluzione di acqua e soda caustica (su 100 ml si prepara con il 20%  di soda caustica  e l' 80% di acqua facendo attenzione a maneggiare la soda, usate dei guanti -  in un contenitore di vetro inserite sempre prima l'acqua e poi la soda - girate con un cucchiaino di metallo - per reazione chimica il liquido si scalderà, lasciate raffreddare). Si usa sempre goccia a goccia testando ogni volta il PH, fino al valore giusto.

 Mi raccomando, imparate bene questo passaggio importantissimo nelle preparazioni cosmetiche!

martedì

Accessori occorrenti per cosmetici fatti in casa


© LadyGreen Blogspot

Per poter fare i vostri cosmetici in casa, dovrete procurarvi alcuni accessori utili. Alcuni devono essere acquistati, molti li avrete sicuramente già in casa. Ecco una lista di accessori base da preparare per poter "spignattare":

lunedì

La prima esercitazione cosmetica fai da te: crema alla lecitina di soia!

© LadyGreen Blogspot
Come abbiamo detto nel precedente post, per imparare a fare le creme cosmetiche in casa è importante esercitarsi ed esercitarsi... La prima crema che potete fare con facilità, imparando a destreggiarvi con un'emulsione, è la crema alla lecitina di soia.
Premetto che la lecitina di soia è una miscela di fosfolipidi di origine vegetale, più conosciuta come integratore alimentare coadiuvante nell'abbassamento del colesterolo elevato. Non solo, la lecitina di soia fa molto bene in fase menopausale: i fitoestrogeni contenuti sono simili agli estrogeni umani e, anche se l'azione è più blanda, possono aiutare a ridurre i fastidiosi sintomi del climaterio. Inoltre aiuta a combattere l'osteoporosi... Vi consiglio di leggere questo interessante articolo in proposito.
In cosmesi la lecitina ha un effetto molto idratante, previene la desquamazione della pelle ed è ben tollerata anche da quelle sensibili. Fa parte dei rimedi naturali antiage, infatti contribuisce a combattere i radicali liberi responsabili dell'invecchiamento cellulare. E' un ottimo emulsionante, quindi nel caso di questa crema che andremo a fare svolgerà una duplice azione: quella di emulsionante per permetterci di unire la componente acquosa a quella grassa e quella idratante che abbiamo sottolineato poc'anzi.

domenica

Cosa è un'emulsione


© LadyGreen Blogspot
Prima di provare a fare in casa una crema cosmetica, bisogna conoscere o rispolverare un concetto importante: la crema è un'emulsione. Per farvi un esempio spicciolo, quando preparate una maionese state facendo un'emulsione.
Che cos'è in pratica una "emulsione"? E' l'unione di una sostanza acquosa con una sostanza grassa, cosa impossibile da effettuare senza l'aiuto di una terza sostanza detta "emulsionante" che permette questa miscela.
La prima crema cosmetica la inventò il fisico Galeno mescolando acqua di rose (sostanza acquosa), olio di oliva (sostanza grassa) e cera d'api (emulsionante), in parti uguali.
Le emulsioni si ottengono a temperature tra i 60 e gli 80 gradi mediante un'agitazione veloce. Possono essere di due tipi:

martedì

Cosa è e come leggere un "INCI"


© LadyGreen Blogspot
Sulla confezione di qualsiasi prodotto cosmetico troviamo un'etichetta generalmente scritta con caratteri piccolissimi e caratterizzata da termini latini e inglesi, che riporta l'elenco degli ingredienti contenuti in quel prodotto: l'INCI, appunto.
L'INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) è una denominazione internazionale obbligatoria dal 1997.  Ogni cosmetico sul mercato deve riportare sulla confezione l'elenco degli ingredienti in esso contenuti usando questa denominazione e inserendoli  in ordine decrescente di concentrazione. Al primo posto ci sarà l'ingrediente in percentuale più alta e a seguire tutti gli altri. Lo scopo principale dell'Inci è quello di evidenziare il contenuto del prodotto per permettere alle persone allegiche di poter individuare eventualmente la sostanza per loro dannosa.
E' molto importante leggere sempre l'Inci dei prodotti che acquistiamo, ma non lo facciamo mai!

lunedì

Cosmetici fai-da-te



© LadyGreen Blogspot

La cosmetica fai-da-te è ancora poco praticata in Italia, rispetto ad altri paesi esteri dove l'attività è d'uso molto più comune. Quando si pensa ad un cosmetico fatto in casa si crede che si tratti di improbabili impasti appiccicosi improvvisati nelle cucine, in realtà è possibile realizzare con le proprie mani dei veri e propri cosmetici che nulla hanno da invidiare a quelli della profumeria, semmai il contrario!
Ma perchè perdere tempo a "spignattare"(termine usato tra le praticanti)?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...